INCOMPIUTI / allenamento ai feedback

LUNEDì
28 GIUGNO 2021
ORE 14.00 – 18.00

 

Un’opportunità di incontro fra professionisti che lavorano a diverso titolo nel campo delle arti performative, per sviluppare riflessività e scambio di conoscenze specifiche in favore della costruzione e circuitazione di nuove opere.

A partire da questo primo appuntamento pilota si svilupperà un percorso di approfondimento dedicato all’osservazione e analisi dei processi di scrittura e composizione che si sviluppano nelle pratiche coreografiche.

Attraverso la visione di materiali di creazione non ancora terminati, si apre una finestra di dialogo collettivo per allenare il pensiero critico e la discorsività.

Nella prima parte di questo percorso, il focus è posto sul feedback come strumento per favorire una modalità di dibattito costruttivo e consapevole tra chi crea e chi osserva.

 

Il primo incontro vedrà la presentazione di lavori incompiuti di Teresa Noronha Feio e Francesca Cola con Marzio Zorio e l’utilizzo di metodologie di lettura e analisi che provengono dal Critical Response Process di Liz Lermans.

Per gli incontri successivi, intendiamo orientarci secondo le necessità, nell’ottica di una costruzione graduale e collettiva di un percorso condiviso.

 

L’invito è rivolto a coloro che operano nel campo della danza e del teatro.

Per partecipare o inviare una proposta di lavoro incompiuto:

ricercaxinfo@gmail.com / sharedtrainingtorino@gmail.com

 

[Al mattino training a cura di shared training torino guidato da Teresa Noronha Feio in Lavanderia a Vapore, h 10 – 12]

 

Luogo

Lavanderia a Vapore
Corso Pastrengo, 51
Collegno

 

Info

Tel. +39 340 54 34 897
ricercaxinfo@gmail.com

Partecipazione gratuita
E’ necessaria la prenotazione
ricercaxinfo@gmail.com / sharedtrainingtorino@gmail.com

 

@ Incompiuti / allenamento ai feedback è un progetto di Workspace Ricerca X / research & dramaturgy e shared training torino inserito nell’ambito delle azioni espanse della Lavanderia a Vapore

IL LINGUAGGIO COME CORPO?

 

Sottotraccia di interesse per questa annualità è l’indagine sulla scrittura come strumento in cui riflettersi, e su cui riflettere in termini di protesi del corpo che manipola il pensiero, come la coreografia.

Per questo motivo proponiamo una lecture con pic-nic, nel prato sotto gli alberi, a cura di Francesca Quey, ricercatrice presso Université de Paris e Università di Torino.

MARTEDì
22 GIUGNO 2021
ORE 16.00 – 18.00
IL LINGUAGGIO COME CORPO?
pic-nic lecture con Francesca Quey

 

Alcune delle opere maggiori del XX secolo riflettono sul legame simbiotico tra corpo e linguaggio e ne interrogano gli immaginari e le pratiche nell’arte e nella letteratura; il processo di creazione artistico-letteraria si rivela come un impegno biologico-anatomico in cui l’opera mantiene in sé le funzioni vitali proprie di un corpo: la pagina palpita, respira, vibra, è una questione di tagli e connessioni, di limiti e superamenti, di respiro e articolazioni linguistiche.

Questione di sensibilità, ascolto, disequilibrio, in molte delle opere moderne emerge un “Io” itinerante che tocca le esperienze del divenire animale, vegetale, del ritorno alla cellula, all’atomo, alla figura polimorfa. Ripensare la morfologia e la sintassi, dislocare la frase e insieme sperimentare, scomporre e ricomporre il corpo: l’alfabeto, come il corpo, è membrana, intermediario tra interno ed esterno. Si parlerà di tutto questo a partire dalle opere di Unica Zürn, Hans Bellmer, Henri Michaux ad interrogare la destabilizzazione delle forme linguistiche e corporee.

Francesca Quey inizia gli studi universitari in Culture e Letterature del Mondo Moderno presso l’Università di Torino, laureandosi con una tesi sul teatro e gli scritti di Samuel Beckett. Prosegue gli studi magistrali con un soggiorno a Parigi, in Culture Moderne Comparate, concludendoli con una tesi in francesistica sui romanzi e la scrittura di Marguerite Duras. Dal 2019 dottoranda all’Université de Paris e all’Università di Torino inizia una tesi interdisciplinare sui testi e le opere plastiche di Unica Zürn e Henri Michaux. Studiosa di letteratura francese del XX secolo, i suoi studi pongono particolare attenzione alla presenza del corpo e alle sue declinazioni nella prosa e nella poesia. Intersecando varie discipline, tra cui l’arte, la filosofia e la psicoanalisi, i suoi studi approfondiscono gli immaginari del corpo, la sua presenza nel linguaggio e come linguaggio, all’interno della realtà letterario-artistica novecentesca.

 

INFO

22 Giugno 2021
dalle ore 16:00 alle 18:00

Appuntamento nel cortile della Lavanderia a Vapore
Corso Pastrengo, 51, Collegno (TO)

Tel. +39 340 54 34 897

ricercaxinfo@gmail.com

Partecipazione gratuita, necessaria prenotazione via mail

INFO PRATICHE

Ti suggeriamo di portare con te uno stuoino o un telo o ciò che preferisci per metterti più comodo. Noi penseremo alle vivande.

A presto!

 

@ Questo appuntamento si realizza con il contributo dell’Associazione Daiva Jyoti

 

Workshop

a cura di Mirko Guido
all’interno di The ever practising artist / Workspace Ricerca X

Eventi e incontri nei luoghi della pratica
26 Giugno 2021 / dalle ore 10:00 alle 18:00
Lavanderia a Vapore

 

Una pratica artistica si evolve all’interno di una rete che interseca altre pratiche, in formazione o già esistenti, e può essere osservata come un assemblaggio di azioni, routines e approcci che l’artista sviluppa e specifica lungo il proprio percorso. La pratica artistica indipendente incarna e approfondisce le proprie teorie e metodi, e permette all’artista di ricercare e sviluppare prospettive parallattiche all’interno del più ampio campo della produzione delle arti performative.

Durante la giornata di lavoro (di laboratorio / di workshop) verranno sviluppati i seguenti filoni e incontri:

+ Nozione di pratica artistica, come funziona all’interno di un contesto di ricerca coreografica, e potenziale impatto nel sistema di produzione delle arti performative e delle sue economie.

+ Avvicinamento e sguardi alle pratiche delle artiste ospiti della sessione di quest’anno.

+ Sessioni guidate ad immergersi in dialoghi e continuare ad articolare insieme ai partecipanti il discorso della pratica artistica.

 

Mirko Guido è un artista che lavora con la coreografia attraverso vari mezzi, tra cui danza, metodi partecipativi, micro-storytelling, testo e video. La sua pratica artistica è guidata da indagini sul corpo (individuale/sociale/culturale) come soggetto/assemblaggio multidirezionale e relazionale, intra-connesso al suo ambiente/contesto. Negli ultimi anni ha sempre più adottato metodi partecipativi, creando spazi di incontro e situazioni di prossimità, considerando il pubblico l’istanza che avvia e/o influenza il corso del lavoro. Mirko ha conseguito un Master in Pratiche Performative presso il DOCH/SKH di Stoccolma. Ha presentato il suo lavoro internazionalmente, ed è stato artista in residenza in centri tra i quali: Summer Studios Rosas, Bruxelles; Work Space Bruxelles; Kone Foundation Saari Residence, Helsinki; Uferstudios, Berlino; PACT Zollverein, Essen; Duncan Dance Research Center, Atene; Workspace Ricerca X, Torino; Weld – SITE – Danens Hus – ccap – MDT, Stockholm. Come danzatore ha lavorato con una grande varietà di coreografi, cimentandosi in metodi/stili/poetiche coreografiche molto diverse, in compagnie di danza tra cui: Cullberg Ballet (2010-2013), Staatstheater Wiesbaden (2008-2010), Staatstheater Saarbrücken (2006-2008), Tanztheater Bielefeld (2005-2006), Stadttheater Hagen (2005).

Workspace Ricerca X nasce e opera dal 2015 con la vocazione ad aprire possibili strade per la sperimentazione e la legittimazione della ricerca artistica nel contesto italiano ed il suo conseguente dialogo con pratiche simili diffuse nel Nord Europa; questi cinque anni sono stati un processo di crescita personale, collettiva, artistica e professionale, caratterizzati da un continuo flusso di condivisione di pratiche, idee e ideali, da cui diverse traiettorie sono state tracciate vicine e lontane dai vari partecipanti al progetto. In questo orizzonte e con queste prospettive Workspace Ricerca X curerà con gli artisti ospiti di questa annualità, uno spazio di riflessione su pratiche di ricerca e dispositivi performativi.
Workspace Ricerca X è sostenuta dalla Fondazione Piemonte dal Vivo nell’ambito dei programmi che si svolgono alla Lavanderia a Vapore – Centro Regionale per la Danza.

INFO

26 Giugno 2021
dalle ore 10:00 alle 18:00

Lavanderia a Vapore
Corso Pastrengo, 51, Collegno (TO)

Il workshop è indirizzato a 25 artisti, coreografi / dance makers e creative producers / operatori della danza.

Per INFO e ISCRIZIONI inviare una mail a ricercaxinfo@gmail.com allegando una breve bio e alcune righe di motivazione.

+ Chiusura iscrizioni
24 giugno 2021

+ Costo
EARLY BIRD €50 / entro il 18 giugno
FULL € 70 / dopo il 18 giugno

Per partecipare al workshop è necessario associarsi all’associazione StandOrt Performing Arts. La tessera ha un costo di 7€.