OPEN CALL 2019

WORKSPACE RICERCA X – Research and Dramaturgy invita danzatori/coreografi professionisti nel campo della danza contemporanea e arti performative

 

Workspace Ricerca X / Research and dramaturgy offre la possibilità di approfondire un proprio percorso di ricerca artistica, già in corso, attraverso l’acquisizione e la condivisione di strumenti critici e drammaturgici durante 4 residenze condivise nell’arco di un anno – da febbraio a novembre 2019 – di cui 2 presso la Lavanderia a Vapore di Collegno (Torino) e 2 in spazi istituzionali in via di definizione.

 

Artistic Research: it’s not about explaining

 

Artistic Research: it’s not about explaining” è il nuovo programma del progetto Workspace Ricerca X che si realizzerà nel 2019 con l’obiettivo di offrire ad artisti, attivi soprattutto nelle arti performative e coreografiche, il sostegno specifico alla fase di ricerca. L’artista è accolto in uno spazio dove può sperimentare nuovi codici coreografici, concepire nuove metodologie di lavoro, arricchire il proprio percorso artistico, ed è facilitato attraverso strumenti quali: residenze condivise e peer coaching, supporto artistico e drammaturgico, focus su ricerca e traiettoria artistica, thinking and making dance, costruzione di displays aperti al pubblico.

Attraverso questi appuntamenti si offrono agli artisti opportunità non solo per indagare ulteriormente direzioni e possibilità cross-settoriali per il proprio lavoro, ma anche strumenti volti ad acquisire maggiore consapevolezza sulla propria pratica artistica e poter convogliare dunque una più efficace comunicazione verso diversi pubblici.

Elementi che continuano a contraddistinguere il percorso sono un forte carattere multidisciplinare, un accento marcato sulla discorsività intorno alla danza, ponte tra teoria e pratica, tra discorso accademico e lavoro performativo, l’avvicinamento alle pratiche di ricerca artistica diffuse nel nord Europa oltre al lavoro di scambio svolto tra peers. Da quest’anno il progetto si amplia aprendo la riflessione sulla pratica del self- curating, punto di unione tra le pratiche artistiche e curatoriali.

Cos’è la ricerca artistica
(tratto da ‘White Paper’ AEC, Association Européenne des Conservatoires, Académies de Musique et Musikhochschulen)
Una forma di conoscenza che possiede una solida base nella pratica artistica e che crea nuova conoscenza contribuendo sia allo sviluppo dell’arte sia a quello dell’intero ambiente sociale producendo innovazione.

– E’ solitamente condotta dall’artista-ricercatore e/o attraverso la collaborazione con un team di ricerca
– Promuove il dialogo critico in campo artistico con altri rilevanti ambiti di conoscenza ponendosi nel settore dell’alta formazione
– E’ supportata da una riflessione critica sui contenuti e sul contesto
– Si articola e riflette sulle metodologie e sui processi di creazione
– Condivide importanti conoscenze professionali con l’intera comunità artistica e le dissemina nella sfera pubblica per l’arricchimento della comprensione culturale.

A Chi si rivolge Ricerca X

5 figure professionali nel campo della danza contemporanea e delle performing arts:
– 2 danzatori/coreografi titolari per l’intera annualità provenienti dalla provincia di Torino
– 3 danzatori/coreografi titolari per l’intera annualità provenienti dal territorio nazionale

Cosa offre

– utilizzo spazio in condivisione per la durata di 2 settimane per 2 sessioni di lavoro negli spazi di Lavanderia a Vapore Collegno
– utilizzo spazio in condivisione per la durata di 2 settimane per 2 sessioni di lavoro in altri spazi istituzionali in via di definizione
– copertura spese di viaggio, vitto e alloggio ai partecipanti provenienti da fuori Torino – pranzo durante le sessioni di lavoro
– accompagnamento alla ricerca da parte di tutors nazionali e internazionali

Come si svolge

Il progetto offre un format di residenza “non neutro” e fortemente connotato dalle modalità di lavoro che vengono proposte al suo interno. Le residenze, della durata di due settimane ciascuna, per un totale di quattro in un anno, sono condivise dai 5 coreografi titolari del progetto e un tutor per ogni sessione di lavoro. Si propone perciò di sviluppare la residenza in un’ottica di condivisione, orizzontalità, scambio di pratiche e auto-formazione. Si lavora secondo la modalità di peer-coaching, tutoraggio alla pari, in cui viene chiesto ai professionisti una continua negoziazione del loro ruolo di coreografo, danzatore/performer e occhio esterno/dramaturg.
Anche al tutor viene proposto di lavorare in questa direzione. I partecipanti condivideranno dunque il loro lavoro con gli altri professionisti, saranno accompagnati da tutors internazionali e dramaturg del processo creativo, e si confronteranno periodicamente con il pubblico.

Nelle diverse fasi di lavoro sono previsti momenti di apertura al pubblico:
MAKING DANCE_ condivisione delle pratiche artistiche con il fine di sviluppare traiettorie di ricerca
THINKING DANCE_ riflessione teorica e discorsiva sulla danza contemporanea in dialogo con altri settori
DISPLAYING KNOWLEDGE_ attraverso i vari incontri sarà incoraggiata la riflessione sui modi di articolare e condividere la propria ricerca e la conoscenza da essa prodotta. Il termine display indica il passaggio dalla dimensione personale della ricerca alla sua dimensione sociale, ovvero la presentazione a un pubblico esterno: quali strumenti, gesti e tempi necessita la mia ricerca per essere presentata, articolata in uno spazio-tempo. Quale discorso costruisco attraverso la mia ricerca e quale tipo di formato necessito per condividerlo?
Artisti che abbiano interesse o abbiano già usato il formato della lecture performance sono particolarmente incoraggiati a presentare la loro candidatura.

Calendario
L’annualità si svolge da febbraio a novembre 2019.
Il primo periodo di residenza è fissato dal 1 al 15 febbraio 2019.

Proposte candidature

Inviare email con oggetto: open call 2019 a ricercaxinfo@gmail.com:

  • portfolio e statement dell’artista
  • curriculum
  • eventuale link video e materiale fotografico
  • sito/pagina FB
  • progetto a cui si intende lavorare rispondendo alle seguenti domande:
    – RESEARCH QUESTION_qual’è la domanda che il progetto propone di articolare.
    – Quali sono le relazioni tra il progetto artistico e altri campi del sapere. Specificare eventuali collaborazioni.
    – Quali tipi di conoscenza produce questa ricerca in te, nei danzatori che vi prendono parte e in termini più ampi nel contesto sociale.

Scadenza
3 gennaio 2019
I risultati saranno comunicati il giorno 15 gennaio 2019

Selezione
Le selezioni saranno effettuate sulla base del materiale ricevuto e attraverso un colloquio individuale (skype). La selezione è intesa come momento di incontro, discussione e testimonianza.

Commissione
Le scelte saranno discusse dall’associazione StandOrt.

Contatti

Per informazioni non esitate a contattarci
Ass.cult. StandOrt – ricercaxinfo@gmail.com
+39 340 54 34 897
fb: Workspace Ricerca X / Research and Dramaturgy

 

> Download Open Call 2019